domenica 9 settembre 2018

Resoconto del Tavolo di lavoro sulla CULTURA



La Lista Civica Insieme per Cambiare, composta da cittadini di diversi orientamenti politici accomunati da un sentire comune, nel quale la cultura è alla base cosi come l'equità sociale, la sostenibilità negli aspetti ambientali e la partecipazione, con l’avvicinarsi delle elezioni comunali ha organizzato dei tavoli   lavoro come strumento fondamentale per il progetto di governo della città che va costruito, arricchito e condiviso sempre insieme ai cittadini e agli operatori interessati.
Pubblichiamo di seguito una sintesi di quanto emerso dal primo tavolo di lavoro sulla Cultura:
Sono presenti nel nostro territorio associazioni culturali che pur svolgendo attività importanti hanno difficoltà a relazionarsi con l’amministrazione comunale nell'intento di facilitare il lavoro svolto e per una maggiore permeabilità dei programmi verso la collettività. Si auspica una maggiore interazione tra le strutture culturali presenti in città: Metropolis, Biblioteca, Giraffe e le associazioni per attivare una progettualità in rete di lungo respiro. Aiutare gli operatori culturali con l’istituzione di uno sportello da parte dell’Amministrazione che li aiuti a captare bandi pubblici e fondi Europei. È importante intercettare gli interessi e i progetti avviando tavoli di studio con esperti culturali extraterritoriali. Il comune dovrebbe co-finanziare le associazioni nella realizzazione di parte di progetti. La fruizione di spazi non deve essere più autoreferenziale.
 Come spazi in cogestione si possono pensare ad esempio quelli presenti nella cava Lago nord, chiusi subito nel 2014 per ristrutturazioni mai avviate (già sede dei Boy Scout) oppure al Centro Falcone e Borsellino, o agli spazi ex Carcatrà. I progetti ci sarebbero se vi fosse una politica culturale, chiara e definita, da parte dell’Amministrazione
Lo strumento delle consulte potrebbe riportare più partecipazione e condivisione. È fondamentale rendere attrattivo il nostro territorio, quale riferimento unico di progetti culturali condivisi con tante realtà.
Vi è una cultura bassa o popolare ed una cultura alta: occorrerebbe lavorare maggiormente per una cultura bassa più vicina al cittadino normale per consentire un maggiore diffusione delle conoscenze. 

Esistono nella nostra città gruppi di persone, piccole associazioni non iscritte all'albo, che fanno cultura. Approfittare dell'esistenza di spazi decentrati nei quali fare cultura più legata al territorio.

Cultura come crescita dell'individuo: curare questo aspetto nella pianificazione delle attività culturali.

Vogliamo ringraziare i numerosi partecipanti per il contributo fornito a questo primo tavolo di lavoro sulla Cultura con osservazioni pertinenti e per i suggerimenti preziosi raccolti.


Nessun commento:

Posta un commento