domenica 26 gennaio 2014

Affrontare il problema della sicurezza

La sicurezza è un bene prezioso per una comunità locale. Paderno Dugnano è vissuta dai suoi cittadini come un luogo sempre meno sicuro. Sono aumentati i furti in casa, abbiamo scoperto la presenza della criminalità organizzata nel nostro territorio, le strade non sono adeguatamente presidiate e c'è un aumento della prostituzione.

Abbiamo bisogno di un approccio alla sicurezza che sostituisca il modello d'azione “reattiva” ad un modello di azione “proattiva”. Essere reattivi è quando ci sono cose che accadono e la modalità di risposta è la reazione, senza creare cambiamento, cosa invece che viene perseguita nell'essere pro-attivi, quando cioè ciascuno diventa responsabile e attivo in prima persona, quando le politiche per la sicurezza della città vedono un cambiamento degli attori coinvolti nella realizzazione delle misure e degli interventi: non più le sole forze dell'ordine, ma i cittadini, i servizi sociali, l'associazionismo e il volontariato, le imprese private, le istituzioni scolastiche. Ricordiamo che si è sicuri non solo se si è al riparo dai reati. Sicurezza vuol dire anche protezione sociale, avere una casa, non respirare fumi nocivi e non correre il rischio di essere investiti girando in bicicletta o all'uscita di scuola.

Vogliamo promuovere una campagna di sensibilizzazione per far capire che il cittadino deve essere il primo a vigilare il proprio quartiere. Non basta chiudersi in casa, trincerarsi con porte blindate ed allarmi; è necessario instaurare, con i propri vicini, una efficace rete di controllo della zona. Su ogni singolo fatto sospetto ci deve essere una comunicazione efficace per poter scongiurare e prevenire (con l’aiuto delle forze dell’ordine) qualsiasi atto criminoso. E comunque è meglio avere un gruppo di giovani che giocano a pallone in strada sotto casa piuttosto che lasciare la via/piazza isolata e deserta.

Crediamo sia opportuno avviare un processo di cambiamento che miri alla prevenzione e meglio presidi il territorio.

Monitorare e Coordinare
Presidiare
Educare e Informare per la sicurezza e la legalità
Piano per il Diritto allo studio

Nessun commento:

Posta un commento