domenica 26 gennaio 2014

Azioni per i disoccupati, i giovani e donne

Se il lavoro non c’è, non basta affinare gli strumenti per la ricerca attiva, bisogna crearselo.

Per le persone disoccupate e per le categorie deboli nel mercato del lavoro(giovani e donne), il progetto di città, con l’obiettivo è non disperdere le capacità lavorative del territorio, prevede:

  • attivazione di percorsi finalizzati alla valorizzazione, allo scambio e messa in rete delle competenze, allo sviluppo delle capacità cooperative, progettuali e gestionali. 
  • coinvolgere i disoccupati e le persone in cassa integrazione a rendersi utili come volontari per la comunità locale (occupare il tempo, stringere nuove relazioni, rimotivarsi all'attività...) 
  • stimolare e sostenere l’avvio di impresa o lavoro autonomo, così come suggerito anche dall’UE per creare occupazione 

Tali percorsi saranno progettati e realizzati in collaborazione con lo sportello AFOL, i servizi educativi e alla persona, le imprese e le associazioni di volontariato, gli stessi giovani, le donne e i disoccupati.

Nessun commento:

Posta un commento