lunedì 14 settembre 2015

LA STAMPA TACE, MA IL SEVESO VUOLE FARSI SENTIRE




La stampa locale, forse per ragioni di spazio in pagina, non ha dato notizia dell'escursione di domenica 6 settembre alla sorgente del Seveso. Fa eccezione il Notiziario, che ha dedicato una foto ed una "breve".

E' importante, però, che i padernesi sappiano che cosa è successo.

Per questo pubblichiamo il comunicato stampa che racconta la cronaca di quella meravigliosa giornata: 

PADERNO DUGNANO CAMBIA VOLTO
SE IL SEVESO TORNA A ESSERE UN FIUME VIVO 

PADERNO DUGNANO, 8 settembre 2015 – Domenica 6 settembre, in una magnifica giornata di sole, 55 padernesi hanno risalito il corso del Seveso fino alla sorgente che si trova nei boschi di Cavallasca (CO) all’interno del Parco della Spina. L’iniziativa, promossa dalla lista civica “Insieme per cambiare”, è il terzo appuntamento di sensibilizzazione sul tema “Seveso Fiume Nostro”.

Di prima mattina il gruppo si è radunato nel parcheggio del mercato di Dugnano (via Oslavia) e ha effettuato alcuni prelievi e analisi delle acque del Seveso (in particolare campionamento biologico per misurare i livelli di “vitalità” del fiume). Eseguiti i rilievi a cura di Manuela Vailati (ecologa fluviale) e del prof. Francesco Spinello (geologo), la comitiva si è mossa in auto verso Lentate sul Seveso, dove ha fatto tappa per visitare l’interessantissimo (e poco noto) Museo civico, che espone un’ampia collezione di esemplari della fauna locale e non. La sosta ha permesso di conoscere anche l’azione dei volontari del Museo e dell’associazione ambientalista La Puska. Ha partecipato all’incontro anche l’Assessore al Territorio del Comune di Lentate Iolanda Negri, che con gli altri volontari si è poi unita al gruppo di padernesi fino alla sorgente del Seveso.

Seconda tappa di forte impatto emotivo è stata la visita ad un mulino, restaurato alcuni anni fa, situato a Fino Mornasco nella cosiddetta Valle dei mulini (il nome deriva dalla presenza, fin dal medioevo, di numerosi mulini ad acqua che sfruttavano sapientemente l’energia idraulica del fiume).

Terminata la visita, il gruppo si è diretto a Cavallasca, dove ha percorso a piedi il sentiero nel bosco e ha visitato le trincee della linea Cadorna (scavate cento anni fa in occasione della Prima Guerra Mondiale) per giungere infine alla sorgente del Seveso. Qui, oltre alla foto di gruppo, i militanti e gli amici di “Insieme per cambiare” hanno brindato al futuro del fiume, con l’augurio di una coraggiosa azione di bonifica e recupero ambientale.

Dopo il pranzo presso il Ristoro Il Mughetto, si è svolto un momento di riflessione animato dalle canzoni e dalle storie narrate da Gianluca Alzati.
Al termine è stato presentato il prossimo appuntamento “Puliamo il Seveso – Puliamo il mondo” in programma il 27 settembre.

Ha concluso la giornata il consigliere comunale Giovanni Giuranna, che ha invitato i presenti a riportare a Paderno la bellezza e l’energia scoperte in questo luogo incontaminato: “Incontrare il Seveso alla sua sorgente ci dà forza per costruire un futuro diverso e per impegnarci concretamente in vista della sua bonifica. L’obiettivo è certamente ambizioso, ma occorre puntare in alto e rivedere un modello di sviluppo che è all’origine del nostro cattivo rapporto con la natura. Se il Seveso tornerà ad essere un fiume vivo, la città di Paderno Dugnano sarà più bella e più ricca da tutti i punti di vista”.

Nessun commento:

Posta un commento