venerdì 19 febbraio 2016

VIA S.AMBROGIO: LE OPPOSIZIONI PRESENTANO UNA MOZIONE PER IL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE





Pubblichiamo di seguito la mozione per la riqualificazione di Sant'Ambrogio (n. prot. 9609 del 18 febbraio 2016), presentata congiuntamente dalle forze politiche di opposizione:


Al Presidente del Consiglio Comunale
Umberto Torraca
Paderno Dugnano

Oggetto: Mozione per la riqualificazione di via S. Ambrogio


Il Consiglio Comunale di Paderno Dugnano

PREMESSO CHE

in un recente passato circa 610 cittadini, con la firma di una petizione, hanno manifestato contrarietà ad un progetto di riqualifica della Via Sant'Ambrogio, proposto dalla Giunta, che prevedeva l'eliminazione di un filare di tigli di pregio storico e naturalistico;

dopo tale petizione la Giunta non ha dato corso al suo progetto;

all’interno della delibera n° 237 del 10/12/2015, la Giunta ha riproposto la stessa vecchia soluzione progettuale;

CONSIDERATO CHE

  • la Comasinella, strada molto antica che si trova a ridosso del torrente Seveso e che scorre in direzione nord-sud, negli anni è stata la colonna vertebrale sulla quale si sono radicati e sviluppati i più importanti nuclei urbani tra Milano e la Brianza, e ha svolto il compito di collegamento tra i piccoli centri in ambito locale, funzione che svolge ancora oggi;
  • per continuare a svolgere la sua funzione di collegamento tra i nuclei abitati della nostra città in modo sicuro e adeguato per tutti i cittadini, necessita di un adeguamento strutturale con un intervento di manutenzione e di ristrutturazione su sede stradale, marciapiedi, verde e arredo urbano;
  • la Comasinella nel nostro Comune, tra via Italia e via Coti Zelati, è l'unico settore che negli ultimi anni non è stato interessato da interventi di riqualificazione;
  • nel corso degli anni la crescita edilizia attorno all'asse della Comasinella si è arricchita anche di un tracciato viabilistico sia parallelo che ortogonale alla via S. Ambrogio, in particolare il sistema del sottopasso della linea ferroviaria a Palazzolo e la via Europa permettono di disegnare un sistema viabilistico funzionale e rispettoso di tutte le utenze, mobilità veicolare, mobilità lenta, pedoni;
  • nel P.G.T. in vigore è prevista la realizzazione di una pista ciclabile lungo la via S.Ambrogio mentre il progetto, approvato dalla Giunta in via preliminare, prevede il solo abbattimento del filare di alberi ad est, l'allargamento del marciapiede su un solo lato e il mantenimento del doppio senso di circolazione;
  • tale soluzione progettuale non risolve completamente i problemi della sicurezza della circolazione stradale della via S. Ambrogio nei confronti dell’utenza debole (pedoni e ciclisti);
  • non è stato aperto nessun confronto preventivo con i cittadini, che già nel 2013 avevano manifestato, in gran parte, la loro contrarietà alla proposta di intervento e indicato come soluzione possibile l'eliminazione del doppio senso, rendendo così praticabili entrambi i marciapiedi, la creazione di una pista ciclabile e il mantenimento degli alberi, dando cosi alla zona un assetto di maggiore fruibilità, vivibilità e sicurezza;
  • il progetto che si intende realizzare premia, incentivandolo, l’utilizzo dell’auto a discapito di coloro che percorrono la via Sant’Ambrogio a piedi, con le biciclette, le mamme con la carrozzine e i diversamente abili;

IMPEGNA LA GIUNTA

1) a stralciare, dalla Delibera di Giunta n. 237 del 10/12/15 avente come oggetto: “Approvazione del progetto preliminare dei lavori di riqualificazione di alcune vie del territorio con abbattimento barriere architettoniche”, la parte riguardante la via Sant’Ambrogio; 
2) a stralciare dalla determina dirigenziale del settore Opere per il Territorio e l’Ambiente n. 998 del 31/12/15 avente come oggetto: “Affidamento interventi per modifica alberature stradali connessi all’esecuzione di opere in messa sicurezza strade e modifica dei marciapiedi in alcune vie – CIG Z8717DC53C” la parte riguardante il taglio degli alberi nella via Sant’Ambrogio; 
3) ad aprire un confronto con la cittadinanza per arrivare ad una definizione della riqualificazione della via Sant’Ambrogio condivisa, che tenga conto dei seguenti obiettivi:
salvaguardare parte del patrimonio storico della nostra città mantenendo la funzione di collegamento fra i vecchi centri abitati del nostro Comune;

completamento, in armonia con quanto già realizzato ad Incirano, del recupero e riqualificazione della vecchia Comasinella, con la pista ciclo-pedonale da Piazza Matteotti fino a Palazzolo Milanese come previsto nel P.G.T;

privilegiare la mobilità legata alle funzioni residenziali e alle attività commerciali di dettaglio, disincentivando i flussi veicolari di solo attraversamento, dirottandoli sulla rete di distribuzione complementare costituita dal sottopasso ferroviario di Palazzolo e dalla via Serra/Mazzini;

aumentare la sicurezza della circolazione stradale;

garantire e migliorare la fruibilità dello spazio per l’utenza debole (pedoni e ciclisti);

incrementare le aree di sosta laddove fattibile;

adottare soluzioni alternative come l'eliminazione del doppio senso, che garantirebbero il mantenimento degli alberi e una maggiore fruibilità, vivibilità e sicurezza, premiando un modello di viabilità più vicina all'utenza debole, pedoni, biciclette, disabili, a scapito delle auto.

                                                  Giovanni Giuranna (Insieme per cambiare)
                                                  Antonella Caniato (PD)
                                                  Achille Cezza per Emiliano Abbati (M5S)


Paderno Dugnano, 18 febbraio 2016

Nessun commento:

Posta un commento