domenica 26 gennaio 2014

SEGUE ... DALLA PROTESTA ALLA PROPOSTA

...
Paderno Dugnano in questi anni ha fatto esperienza di numerose proteste. Il suo territorio è posto sotto assedio da numerose minacce. Sono state operate scelte che non rispondono alla volontà dei suoi cittadini. Vi sono promesse non mantenute e altre mal realizzate.

Ma non ci si può lamentare del traffico davanti alle scuole, del cattivo stato di manutenzione del verde o delle strade, del cattivo funzionamento di un servizio o del costo del servizio rifiuti... senza ricercare il confronto e provare a trovare delle soluzioni alternative che eliminino i disagi.

L'esperienza dei Comitati Cittadini di Paderno Dugnano ci ha insegnato che non ci si può fermare alla protesta. Dire no è importante, ma bisogna saper andare oltre ai no, spiegarne il perché e proporre soluzioni che tutelino l'interesse comune, non il particolare.

Costruire un progetto di città alternativo all’attuale implica dirsi che cosa non si vuole, cosa c'è da cambiare, cosa si vuole di diverso, ma non ci si può fermare al giudizio negativo. Bisogna dire anche cosa si vuole fare di diverso, come si pensa di agire.
Non basta dichiarare che si intende voltare pagina, come affermato nella passata tornata elettorale dall'attuale sindaco. Bisogna saper anche dire Come e Cosa si intende fare per il cambiamento.

Il Progetto della Città che vogliamo fa delle proposte concrete su aspetti critici per la città. Mira a migliorare, a cambiare.

Piano Urbano del Traffico
Trasporto pubblico: qualificazione e incentivi
Mobilità ciclabile
Barriere architettoniche
Stop al consumo di suolo e revisione del PGT
Adozione del Piano Rifiuti Zero
Adozione del PAES Piano d'Azione per l'energia sostenibile
Piano bonifiche
Piano manutenzioni
Verde e Parchi

Sviluppo locale e opportunità EXPO

Nessun commento:

Posta un commento